Vai al contenuto

Democracy in America

11 – 13 maggio 2018

liberamente ispirato all’opera di Alexis de Tocqueville

Lo spettacolo

I popoli risentono sempre della loro origine.

Alexis de Tocqueville

Democracy in America ruota attorno a due contadini puritani, Elizabeth e Nathaniel. Vogliono trasformare l’America nella nuova Terra Promessa. È una conquista compiuta non con le armi, ma con semi e aratro. Si affidano al Dio dell’Esodo, ma l’abnegazione, guidata dalla legge di Mosè presa alla lettera, consegna solo patate marce e disperazione. Qualcosa confligge nel rapporto individuale che la donna intrattiene con le Sacre Scritture, e la sua preghiera si trasforma in una pronuncia blasfema in cui riecheggia la sconvolgente epifania di una promessa mancata.

Attraverso l’invenzione di questo nucleo drammatico, Romeo Castellucci penetra, con una intuizione potente, le pagine scritte nel 1835 dal giovane aristocratico francese Alexis de Tocqueville, dopo il lungo viaggio negli Stati Uniti d’America. Lo spettacolo affonda nelle pieghe di questo testo fondamentale per la cultura politica dell’Occidente, facendo perno nella concezione della terra, nella coscienza collettiva delle colonie fondate da comunità puritane emigrate dalla vecchia Europa con la volontà di gettare le basi di una fattiva uguaglianza di stampo biblico tra gli esseri umani. Il nesso tra la matrice puritana e la fondazione del nuovo modello di democrazia rappresentativa è l’occasione per volgersi al dilemma dell’affrancamento dalla legge come esercizio di libertà; alla forza muscolare dell’individualismo; al ruolo delle scelte del singolo per la definizione di diritti e regole della vita collettiva, senza che questi temi diventino mai discorsi diretti sulla democrazia. In tutto lo spettacolo campeggia traversalmente la principale istituzione umana che è la lingua, l’istituzione più originaria, quella che fa da modello a tutte le altre, lì dove s’instaura il rapporto tra corpo, sapere e potere.

Lontani dalla cronaca dell’attualità politica, Democracy in America è un lavoro sull’Antico Testamento, sull’ambigua relazione fra l’interesse collettivo e le ambizioni del singolo, sulla lingua, ma anche sulla perdita dell’innocenza, sul crollo di valori ritenuti inossidabili, che mostrano il volto in ombra della democrazia americana, ritratto di un fiore cresciuto nelle sterminate praterie, un fiore permeato da un cuore di tenebra.

Iscriviti alla newsletter