Vai al contenuto

Così……Vi pare

 6 – 9 febbraio e 13 – 16 febbraio 2025

Così… vi pare
da Luigi Pirandello
scrittura scenica, installazione visiva, regia
Riccardo Caporossi
con Nadia Brustolon, Vincenzo Preziosa

Lo spettacolo

Lo spettacolo tratto dalla novella “La Signora Frola e il Signor Ponza, suo genero” e la trasposizione teatrale Così è se vi pare di Luigi Pirandello è una elaborazione di parola e immagine che Riccardo Caporossi mette in scena nella splendida cornice del Teatro Torlonia affidando ai soli due attori protagonisti Nadia Brustolon (la Signora Frola) e Vincenzo Preziosa (il Signor Ponza) lo svolgimento drammaturgico nella nuova riscrittura scenica che propone al pubblico testimone una particolare modalità di coinvolgimento. Il piccolo mondo dei tre fantasmi, due visibili e quello invisibile della moglie del Signor Ponza, che hanno dietro  di loro un’esperienza dolorosissima, dalla guerra al terremoto, dalla pazzia alla morte, invoca il silenzio della pietà contro il quale si accanisce la pettegola curiosità popolare e del salotto borghese. Ma la suocera e il genero sono costretti a recitare per gli altri un secondo dramma, sostenendo i ruoli a cui sono stati inchiodati, pur di continuare a vivere. L’intermediario tra i due esclusi-attori e la società-pubblico resta solo una immateriale coscienza critica del dramma. Il pubblico-società viene invitato a seguire l’una e l’altro degli attori-esclusi, sventurati, costretti a chiudersi in una disperata solitudine. Una visione che mette a confronto i due personaggi cardini dell’opera, La Signora Frola e il Signor Ponza sottolineandone il loro reciproco scontro/incontro. Una verità che ciascun personaggio tende a far valere nei confronti dell’altro, portandoli ad esprimere, l’una per l’altro, compassione e pietà. Lasciano sospeso il sospetto, che tanto vale la realtà quanto il fantasma, della loro reciproca follia. La modalità di svolgimento proposta al pubblico tiene fede e interpreta: “c’è da ammattire sul serio tutti quanti a non poter sapere chi dei due sia il pazzo, se questa Signora Frola o questo Signor Ponza, suo genero”.

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter