Vai al contenuto

Giovanna d’Arco

3 – 13 ottobre 2024

di Maria Luisa Spaziani
regia Luca De Fusco
con Mersila Sokoli

 

Lo spettacolo

 Questa Giovanna d’Arco di Maria Luisa Spaziani, di cui ricorre quest’anno il decennale della morte, accompagna quasi tutta la mia carriera di direttore di teatro pubblico. Lo spettacolo fu inventato in un bellissimo Castello di Vittorio Veneto nel 2004 per il Teatro stabile del Veneto. Maria Luisa non lo aveva scritto per il teatro ma aveva dimestichezza con le scene e accettò con entusiasmo l’idea di mettere in scena questo suo gioiello. Lo pensammo come un colloquio intimo, quasi sommesso, antiretorico. Quasi come se alcune decine di persone si ritrovassero attorno ad un fuoco ad ascoltare una storia. Ci ponemmo subito una domanda cruciale. Chi è colei che ci parla? Una pazza che si crede Giovanna d’Arco? Il fantasma della pulzella? Lasciammo volutamente nell’ambiguità la risposta. Una volta andati in scena posi più volte la domanda alla Spaziani, che ci seguì al debutto, poi a Venezia, poi a Napoli. All’inizio lei non mi rispose poi un giorno mi disse semplicemente che “è Giovanna”.
Nel rimetterlo in scena vent’anni dopo il suo debutto con una nuova giovane attrice Mersila Sokoli, che sostituisce Gaia Aprea con cui lo spettacolo era nato, ho ripensato a quella semplice risposta e attenuato quindi ancora di più i toni, cercando di far emergere i versi nella sua purezza e pensando, con Maria Luisa, che chi ci parla non è né una folle né un fantasma inquietante ma “semplicemente” Giovanna.
Ringrazio l’amico Antonio Di Pofi per le sue musiche che nulla hanno perso col tempo ed hanno, invece fatto risaltare, con il loro minimalismo, questa rilettura della mia impostazione.

 

Dal 18 al 23 giugno 2024 in scena al Castello Ursino, Catania 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter