Vai al contenuto

Il funerale del padrone

28 – 30 aprile 2017

di Dario Fo
regia Massimo Di Michele

 

Lo spettacolo

Proporre un testo di Dario Fo nasce dalla convinzione e dall’amore profondo per un mestiere in cui credo molto, quello dell’attore. L’idea del Teatro come momento di confronto civile, rende giustizia alle origini di una Istituzione che è nata con l’uomo e reca con sé la storia dell’umanità.
Il lavoro su un testo così di impatto e di attualità come Il Funerale del Padrone significa tornare a un’idea del teatro, tanto cara a Dario Fo, inteso come momento di denuncia, di impegno civile, di presa di coscienza dell’attore che diviene parte vivente di questa dichiarazione d’amore per l’umanità e di tutela e salvaguardia del diritto a non morire per il lavoro.
“Il Funerale del Padrone” è leggero, impertinente, irriverente; è una satira pungente ma, nel solco della tradizione stessa della satira, è un testo impegnato, di grande impatto.
Esso vuole essere una grande prova per un giovane attore, il confronto con un testo pieno di colori e molteplici sonorità che spaziano dalla Commedia dell’arte a momenti “circensi”, da espedienti drammatici alla danza, fino al momento finale dove, con freddezza e lucidità, vengono elencati i dati delle morti sul lavoro degli ultimi anni.
All’attore viene chiesta una prova di grande duttilità e versatilità, ma soprattutto di creatività, non perdendo di vista ciò che siamo e dovremmo essere sempre: CREATIVI.
“Il Funerale del Padrone” è una grande sfida, come lo sono tutti i testi di Dario Fo.
Al Maestro Fo, a cui sono grato per aver sostenuto da subito l’operazione consapevole e coraggiosa di un gruppo di giovani artisti.

Massimo Di Michele

Iscriviti alla newsletter